Jamie Vardy 2018

Jamie Vardy 2018

Quando nel 2016 il Leicester vinse il titolo, la maggior parte dei titoli dei quotidiani sportivi di tutto il mondo celebrarono – giustamente – Claudio Ranieri. Il tecnico italiano, dopo avventure poco fortunate su panchine prestigiose come Roma e Inter, ottenne il giusto riconoscimento alla sua professionalità e bravura. Ma oltre a Ranieri quella squadra ha messo in mostra una batteria di giocatori che ancora oggi vestono la maglia della Foxes, e che hanno deciso per forza o volontà di continuare a scrivere la storia del club, anche se vette come quella di due anni non sono più state nemmeno lontanamente raggiunte.

Tra questi, oltre al miglior giocatore di quella stagione in Premier League Riyad Mahrez, si è messo in luce un attaccante dal passato discusso ma dalla straordinaria efficacia: Jamie Vardy. Alla non più tenera età di 29 anni, Vardy si è messo in mostra come finalizzatore di una manovra basta principalmente sul contropiede, con un 4-4-2 compatto e reattivo, pronto a sfruttare la velocità di Mahrez e la concretezza di Albrighton, il tutto protetto da quel grande equilibratore che è Kante.

La seconda stagione di Vardy in Premier League, dopo la prima conclusa con una clamorosa rimonta-salvezza ma solo 5 gol a referto, è stata straordinaria per un attaccante che mai in carriera aveva raggiunto tali numeri. In 36 presenze sono arrivati ben 24 gol alcuni dei quali decisivi, altri splendidi come quello al Liverpool.

(da notare l’assist di Mahrez)

Ad un numero notevole di gol, tanto da farlo duellare per la vetta dei cannonieri insieme a “mostri sacri” come Aguero o Kane, Vardy ha aggiunto 6 assist. Il binomio con l’algerino è diventato il marchio di fabbrica di un Leicester che ha stupito il mondo del calcio, facendo rievocare ai commentatori analoghe imprese del passato come quelle del Verona in Italia ai tempi di Osvaldo Bagnoli. Ma dopo quella scorpacciata di gol ed emozioni, dopo i festeggiamenti e l’aver portato un po’ tutti a tifare Leicester com’è proseguita la carriera di Jamie Vardy?


Costanza

Promesso sposo dell’Arsenal per un paio di sessioni di mercato, Vardy ha deciso di rimanere al Leicester anche nelle due stagioni successive, togliendosi la soddisfazione di giocare con le Foxes la Champions League ed arrivare fino ai quarti di finale. Dopo l’Europeo poco felice per l’Inghilterra, dove comunque ha trovato il tempo di segnare un gol, l’anno successivo ha segnato 13 gol in 35 presenze. Poco rispetto alla stagione precedente ma in linea con gli alti e bassi del Leicester, che ha salutato Ranieri e centrata la salvezza solo nella seconda parte di stagione.

In Champions Vardy ha segnato due gol, coinvolto come gli altri nel girone europeo meno spettacolare di tutta la competizione, insieme a Porto, Copenaghen e Brugge. In molti pensavano che l’avventura ad alti livelli di questo ragazzo di Sheffield fosse conclusa, destinata alla parabola discendente della squadra con la quale si era legato in modo (forse) indissolubile. Invece no, perchè nella Premier League appena conclusa i numeri sono ritornati ad essere importanti e, per lunghi tratti della stagione, decisivi.

Con un Leicester che ad un certo punto correva per un posto in Europa, Vardy ha ripreso a viaggiare su medie da un gol ogni due partite: nella stagione 2017-2018 ha messo a segno 20 gol in 37 presenze, con un assist. Un gol ogni 163 minuti, capace di sfruttare momenti di calcio altissimo disegnato da Riyad Mahrez che con i suoi 10 assist si pone all’8° posto in Premier League, alle spalle di giocatori che hanno vissuto una delle migliori stagioni della loro carriera come De Bruyne  e Sané.

Jamie Vardy ha chiuso la stagione con la doppietta nel pirotecnico 5-4 tra Tottenham e Leicester, lasciando ancora una volta il segno sul campionato delle Foxes che hanno chiuso con un dignitosissimo 9° posto la stagione, con un buon numero di gol segnati (56) e la soddisfazione di mandare ai mondiali in Russia oltre alla rivelazione Harry Maguire anche il “vecchio” Jamie Vardy.

Tutti i gol di Jamier Vardy nella stagione appena conclusa

Articoli correlati

0 Commenti

Ancora nessun commento

Potresti essere il primo a commentare questo articolo