Tunisia-Inghilterra, che tipo di gara sarà

Tunisia-Inghilterra, che tipo di gara sarà

L’esordio mondiale è probabilmente il momento più complicato dal punto di vista psicologico, sopratutto in un torneo livellato come quello a cui stiamo assistendo in Russia. Argentina, Brasile e sopratutto Germania non hanno convinto al loro esordio, con i campioni di Mondo sconfitti dal Messico a conferma che questo è il torneo calcistico più difficile e che tutte le avversarie stanno crescendo dal punto di vista dell’organizzazione tattica, oltre che dare sempre tutto in campo.

L’Inghilterra fa il suo esordio contro la Tunisia, questo potrebbe essere il mondiale delle sorprese e la squadra di Southgate ha la possibilità di diventare l’outsider. La continuità di rendimento non è mai stato il cavallo di battaglia dei “3 Leoni”, ma nell’ultimo anno il lavoro del CT ha fatto crescere il rendimento difensivo mentre in attacco non ci sono mai stati problemi, fosse altro per la presenza di un campione come Harry Kane. Il limite dell’Inghilterra, sottolineato anche da Southgate in conferenza stampa, è l’età. La squadra è giovane ed è proprio questo il motivo che la pone qualche gradino sotto le grandi favorite, perchè la qualità non manca così come determinate caratteristiche che possono disegnare una squadra di successo.

Ad esempio l’Inghilterra ha un’invidiabile varietà di gioco sugli estreni, a destra con Trippier che arriva da una stagione di grande continuità di rendimento, e Lingaard che in nazionale gioca come esterno alto. Nella mente del CT quella casella dovrebbe essere occupata da Rashford, che però è giunto in Russia in non perfette condizioni. Tornerà utile nel corso del torneo. A sinistra un giocatore dinamico come Rose si associa con Sterling, che quest’anno al Manchester City ha fatto il salto di qualità sia dal punto di vista tattico che dei gol segnati. Southgate basa il gioco sugli esterni, dove ha facilità di corsa e profondità, per allargare le maglie delle difese avversarie e favorire gli inserimenti di giocatori bravissimi ad occupare gli spazi come Kane e Dele Alli.

Per reggere una squadra così dinamica, il Commissario Tecnico ha disegnato l’Inghilterra con una difesa a 3 con due esterni molto rapidi e due mediani che a turno scalano a coprire lo spazio sull’esterno lasciato libero dalla sgroppata del terzino. Difendere contro questo tipo di gioco non sarà facile per la Tunisia, che si presenta con elementi assai poco esperti proprio sugli esterni. Ma come abbiamo visto, i mondiali stanno riservando non poche sorprese pertanto questa sfida, che rinnova quella francese del 1998, potrebbe essere molto interessante.

Articoli correlati

0 Commenti

Ancora nessun commento

Potresti essere il primo a commentare questo articolo